F1, un clamoroso colpo di scena potrebbe dare il mondiale ad Alonso

Tre sorpassi avventati di Sebastian Vettel potrebbero consegnare il titolo mondiale nelle mani di Fernando Alonso e della Ferrari.

di Marco Ferraro 28 novembre 2012 21:44

Un incredibile colpo di scena potrebbe scuotere il Mondiale 2012 di Formula 1. Se fino a qualche ora fa la stagione sembrava ormai archiviata e passata agli annali con la vittoria rocambolesca di Sebastian Vettel su Fernando Alonso, ora è spuntato un “giallo”, nel vero e proprio senso della parola, che potrebbe far vacillare il titolo guadagnato dal pilota tedesco della Red Bull. Il giallo riguarderebbe delle bandiere gialle sbandierate durante la gara, i relativi segnali inviati a Vettel, e quei tre sorpassi fatti dal tedesco che sono al limite del regolamento. “Faccio della legge corretta e rispettata il mio miracolo”, ha commentato l’episodio il rivale Alonso, che tramite il suo account Twitter lancia una frecciatina non proprio velata al collega-rivale, reo di avergli “rubato” il titolo di campione del mondo. La fonte della contesa è un video nel quale si vedono chiaramente le spie del volante di Vettel accese e dei sorpassi vietati effettuati sempre dal tedesco tre volte campione del mondo di Formula 1. Immagini che non lasciano spazio a dibattiti: Vettel ha commesso dei sorpassi irregolari ma nessuno ne parla.

Come detto in precedenza, sono tre i sorpassi finiti nel mirino della Ferrari: il primo è quando Vettel supera la HRT guidata dal brasiliano Pedro De la Rosa, sorpasso avvenuto pochi metri prima della zona sottoposta al regime di bandiera gialla, quindi dove è vietato effettuare sorpassi, anche se in questo primo caso è difficile stabilire la regolarità o meno della manovra del tedesco. Nel secondo sorpasso dubbio, Vettel supera Kamui Kobayashi della Sauber, e questa volta lo fa esattamente all’interno della zona della bandiera gialla, lasciando pochi dubbi sull’irregolarità della manovra di sorpasso. Si vede inoltre chiaramente anche la luce gialla lampeggiare e la spia di avviso nel volante della sua Red Bull accesa. Il terzo e ultimo caso della discordia è quello del sorpasso su Vergne, della Toro Rosso, scuderia “cugina” della Red Bull. Vettel supera Vergne in zona bandiera gialla, ma alcuni hanno fatto notare, guardando il fermo immagine, che ci sarebbe un commissario con bandiera verde, che quindi consentirebbe il sorpasso, mentre altri hanno invece sottolineato l’importanza delle spie elettroniche che vengono attivate dai vertici FIA e che in questo caso erano accese sul volante di Vettel.

Di sicuro non c’è piena chiarezza su tutti e tre i sorpassi. La prima potrebbe essere considerata regolare, ma sulle altre due c’è più di un sospetto che siano irregolari. Cosa rischierebbe Vettel? Una penalita di 20″ e la retrocessione all’ottavo posto regalando così il mondiale ad Alonso e alla Ferrari. Ora la prossima mossa spetta proprio alla casa di Maranello, che fino ad ora si è trincerata in uno strano silenzio sulla vicenda. Il cavallino rampante ha tempo fino a venerdì per presentare il reclamo, ma potrebbe essere la FIA ad intervenire senza bisogno di una denuncia del team italiano.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti