Nuoto, il presidente della FIN sul caso Pellegrini-Lucas: “Ci siamo rotti le scatole”

Il presidente della FIN, Paolo Barelli, perde la pazienza sul caso Pellegrini-Lucas.

di Marco Ferraro 18 settembre 2012 16:02

 Nuova puntata della querelle tra Federica Pellegrini e la Federazione italiana Nuoto (FIN). Tutto è cominciato circa un anno fa, quando la Pellegrini decise di troncare la storia d’amore con Luca Marin per un altro nuotatore, il suo attuale fidanzato Filippo Magnini. Tutte le vicende, comprese le sfuriate del geloso Marin nei confronti della nuotatrice azzurra. Poi, le polemiche sono continuate durante le Olimpiadi di Londra 2012, un vero disastro per la spedizione olimpica azzurra sia per quella maschile che per quella femminile, le cui speranze di medaglia erano riposte proprio nella nuotatrice veneta. Ora, come se non bastasse tutto il polverone mediatico che scatena la povera Pellegrini ogni volta che dice o fa qualcosa, si aggiunge un nuovo episodio alla stucchevole tenelovela. Parliamo del nuovo allenatore, visto che Federica Pellegrini avrebbe individuato in Lucas, già suo tecnico fino a due anni fa, il suo nuovo preparatore, e ora è in attesa di una risposta positiva da parte della FIN. In settimana, era arrivata una nota federale dai toni concilianti nei confronti della Pellegrini e della sua scelta. Stammattina pero’ un improvviso cambio di umore, rappresentato dallo sfogo del Presidente FIN, Paolo Barelli, nel corso della consueta conferenza stampa post Olimpiadi organizzata dal Coni presso il Foro Italico a Roma.

 “Non si può dare tutto per scontato, non può essere tutto bianco o nero, chi sta con me o contro di me. Di questo ci siamo rotti le scatole. Siamo sempre stati a disposizione della Pellegrini con grande compiacimento, ora valuteremo anche questa sua quarta, quinta necessità, ma normalmente le cose avvengono al contrario. L’equivoco è nato perché Lucas dovrebbe entrare nello staff, comandare qualcuno, ma la Federazione non deve essere giudicata da nessuno – ha commentato Paolo Barelli -. Lucas è una persona amica e un tecnico bravo, uno dei 20-30 migliori allenatori sul mercato, ma non basta questo per portarlo dentro casa per quattro anni. E non è solo una questione economica: normalmente le cose accadono al contrario, prima si discute delle proprie esigenze e poi si decide. Non so a cosa sia dovuto questo modo rapido di agire, ora comunque incontreremo Lucas. In che modo si inserirebbe? Sarà un dibattito molto sereno su un problema nato appena sei giorni fa, quando abbiamo ricevuto questa informazione da Federica”. Le dichiarazioni di Barelli riportate da Gazzetta.it. Parole che lasciano trasparire un certo disappunto per la scelta della Pellegrini. Ora, la FIR dovrà attivarsi per prendere contatti con Philippe Lucas, anche se restano molti dubbi dopo queste dichiarazioni.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti