Usain Bolt contro tutti: oggi la finale dei 100m

Il giamaicano, campione olimpico in carica, tenterà di difendere la medaglia d'oro e il record conquistato a Pechino dagli assalti dei suoi famelici rivali.

di Simona Vitale 5 agosto 2012 12:14

È il gran giorno. Il giorno atteso da milioni di amanti dello sport in tutto il mondo che questa sera avranno gli occhi incollati dinanzi alla tv per assistere alle gesta dell’uomo più veloce del mondo. Parliamo, ovviamente, di Usain Bolt. Il giamaicano tenterà di difendere nella finale dei 100 m la prima delle 3 medaglie d’oro che Bolt fece sue a Pechino nel 2008, con altrettanti record olimpici. Ricordiamo che Bolt, quattro anni fa, entrò nella leggenda conquistando i 100m, i 200m, e la staffetta 4x100m. Oggi, a Londra, la concorrenza è molto spietata.

Ieri, i quarti di finali, hanno visto Bolt protagonista della propria batteria con il tempo di 10″09. Un tempo non certo degno del “fulmine”, ma che si giustifica alla luce del fatto che il giamaicano, come visibile anche a noi comuni mortali, si è “solo” minimamente impegnato per raggiungere l’accesso alla semifinale di una delle gare più attese delle Olimpiadi. Oltre ai soliti Tyson Gay e Asafa Powell, vincitori nelle rispettive batterie con tempi di tutto rispetto, gli occhi sembrano però puntati su un altro connazionale di Bolt. Ci riferiamo a Yohan Blake, campione del mondo nei 100m a Daegu, che ha battuto Usain Bolt nei 100 e 200 ai Trials giamaicani e che vorrebbe ripetersi a Londra per entrare nella storia dell’atletica. Senza però dimenticarci di tutti gli altri che sembrano davvero in straordinaria forma.

Non dimentichiamoci, infatti, di Justin Gatlin, campione olimpico ad Atene e squalificato per 4 anni per doping a Pechino, il quale ha dichiarato che la pista è veloce e ha aggiunto: “Devo dire che mi è piaciuto molto lo spettacolo sulle tribune, eccezionale. Si sente la magia là fuori. Sono contento comunque di aver eguagliato il mio record personale. È stato tutto sorprendentemente facile”. Non ci resta dunque che attendere ancora qualche ora (22:50 ora italiana) per vedere se ancora una volta Bolt si confermerà l’uomo più veloce del mondo, immortalandosi ancor più come leggenda dello sport.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti