Paralimpiadi, bronzo per Annalisa Minetti nei 1500

Ecco le ultime tre medaglie conquistate dall'Italia alle Paralimpiadi di Londra.

di Marco Ferraro 4 settembre 2012 22:56

Continua a gonfie vele la quattordicesima edizione dei Giochi Paralimpici di Londra per la spedizione italiana arrivata in Inghilterra con un gran carico di speranze e con le 18 medaglie conquistate quattro anni fa nell’edizione di Pechino. Le medaglie italiane, a sei giorni dalla cerimonia di apertura, sono già 10, le ultime tre conquistate proprio oggi. La prima arriva dall’atletica, e da una vecchia conoscenza della musica italiana, Annalisa Minetti, che ha deciso di cambiare vita gareggiando nei 1500 metri che riuniscono sia la classe T11 (non vedenti che corrono con la guida) che la T12 (ipovedenti, corrono senza guida). “Sono venuta qui per questo bronzo e ci sono riuscita” ha dichiarato al termine della gara una felicissima Annalisa Minetti ancora incredula per l’impresa appena portata a termine. L’ex cantante che ha partecipato anche a San Remo, era guidata da Andrea Giocondi ed è arrivata terza conquistando il bronzo. Seconda la russa Pautova, mentre il primo posto e la medaglia d’oro sono andati alla spagnola Congost. Alla Minetti va pero’ un’ulteriore soddisfazione, l’aver stabilito con il tempo di 4’48’’88, il record del mondo nella categoria 1500 T11.

Altre soddisfazioni per l’Italia sono arrivate anche dall’arco individuale femminile dopo quello maschile con l’oro del portabandiera azzurro Oscar De Pellegrin. L’arciere piemontese Elisabetta Mijno ha infatti portato a casa l’argento nella categoria W1-W2, riservata agli atleti affetti da paraplegia. La ventiseienne, arrivata fino in finale, non ha pero’ potuto fare niente contro l’iraniana numero uno al mondo Zahra Nemati, campione paralimpica con il punteggio di 7-3. L’argento conquistato dalla ventiseienne, paraplegica dall’età di 5 anni, è stata la nona medaglia conquistata dalla spedizione azzurra guidata da Luca Pancalli.  “Sono soddisfatta di questo argento perché la mia avversaria negli ultimi anni è diventata la più forte della mia categoria e quindi sono onorata di essere arrivata così vicino a lei. Certo, avrei voluto trovare in finale la mia compagna perché, pur essendo al suo debutto paralimpico, ha tirato davvero bene. Questa invece per me è la seconda Paralimpiade e mi ha portato la prima medaglia, speriamo che sia di buon auspicio per la prova a squadre” ha dichiarato la Mijno.

L’Italia non ha poi dovuto attendere molto per arrivare in doppia cifra e conquistare la decima medaglia alle Paralimpiadi di Londra. L’ha conquistata, ed è la seconda vinta qui a Londra, Federico Morlacchi, vera e bella sorpresa di queste Paralimpiadi per il nuoto azzurro. Morlacchi ha vinto un altro bronzo nei 400 stile libero classe S9 con il tempo di 4’18”55

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti