Sette atleti olimpici che hanno superato problemi di salute

Cancro, asma, morbo di Chron sono solo alcune delle malattie affrontate da alcuni grandi atleti, che mai però si sono arresi. E già per questo hanno vinto.

di Simona Vitale 3 agosto 2012 14:05

Come se le loro prestazioni straordinarie o le loro medaglie non fossero abbastanza stimolanti, un certo numero di atleti ai Giochi olimpici di quest’estate ha superato ostacoli davvero impegnativi prima di poter raggiungere l’agognato podio. Molte di queste sfide si sono presentate sotto forma di problemi di salute e relative condizioni che sono già abbastanza difficili da sole, senza la pressione aggiunta di competere su un palcoscenico di importanza mondiale. Ma questo non ha fermato questi atleti dal raggiungere la cima dell’Olimpo.

Ecco uno sguardo a come alcune delle stelle di Londra sono riuscite a vincere. Non solo nello sport, ma, soprattutto, nella vita.

Eric Shanteau

Eric Shanteau. All’età di soli 24, appena una settimana prima della partenza dei Giochi Olimpici del 2008 a Pechino, il nuotatore americano si è trovato di fronte quella che è stata davvero una diagnosi devastante: il cancro ai testicoli. L’atleta ha posposto il trattamento fino a dopo gara a Pechino, ha avuto un intervento chirurgico per rimuovere il tumore nel mese di agosto e sembra aver così sconfitto il cancro. Dopo essere stato coinvolti nella Livestrong Foundation, Shanteau poi ha intrapreso la campagna Swim for Your Life.  Tutto il ricavato è stato devoluto ai progetti della Lance Armstrong Foundation,  secondo il sito di Swim For Your Life. Shanteau ha raggiunto le semifinali nei 100 metri rana uomini, e farà parte della staffetta 4×100 che si giocherà la finale venerdì, negli attuali Giochi Olimpici in corso a Londra.

Dana Vollmer

Dana Vollmer. Domenica, 24 anni, nuotatrice americana è diventata la prima donna al mondo a nuotare i 100 metri farfalla in meno di 56 secondi. Ma quando lei aveva 15 anni, le fu diagnosticata la sindrome del QT lungo , un disturbo elettrico del cuore che potrebbe portare ad arresto cardiaco improvviso. Mentre molti atleti con condizioni simili hanno dovuto smettere di fare sport per preservare la loro salute, a Vollmer è stato permesso di continuare a nuotare, a condizione che un defibrillatore esterno le fosse vicino ogni volta che nuota in piscina.  Oggi, i medici sembra che non riescano a trovare nessun segno della sindrome nella nuotatrice. Insieme con la mamma Cathy, Vollmer fa parte dei volontari dell’American Heart Association, dando discorsi e apparizioni per contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica circa le malattie cardiache, secondo Bleacher Report. Ora, dopo aver meritatamente conquistato la medaglia d’oro, competerà anche nella staffetta 4×200.

Jake Gibb

Jake Gibb. Il giocatore americano di beach volley è stato contrassegnato per i livelli ormonali anomali da parte di un test anti-doping ma la ragione, si è scoperto, stava nel fatto che aveva il cancro ai testicoli. I medici sono stati in grado di rimuovere con successo il tumore, il che significa che Gibb non ha avuto bisogno di chemioterapia e lui e il compagno Sean Rosenthal continuano a gareggiare in quel di Londra. “Ho capito le cose che contano di più per me sono la salute e la famiglia. L’apice delle discipline sportive è l’arrivo alle Olimpiadi. Scoprire che non dovevo passare attraverso la chemioterapia è stato il più grande sollievo e la più grande gioia della mia vita. Ha aperto di nuovo la strada verso le Olimpiadi. Solo per continuare a competere mi sento come se fossi l’uomo più fortunato al mondo ad avere la mia famiglia e gli amici intorno a me”, ha detto, raccontando la sua esperienza in un video sul suo sito.

Carrie Johnson

Carrie Johnson. Nel 2003, quando avrebbe dovuto iniziare la formazione per la sua prima Olimpiade, la kayaker americana era alle prese con diversi sintomi allo stomaco, sui quali i medici non riuscivano a pronunciarsi. “Il tutto è iniziato con sintomi di affaticamento e sintomi gastrointestinali sempre peggiori” ha dichiarato l’atleta a USA Today . Sei mesi più tardi le venne diagnosticato il morbo di Chron, una malattia cronica infiammatoria intestinale. “Si è trattato fondamentalmente di un processo di tentativi ed errori”, ha detto Johnson che è stata in grado di competere sia nei Giochi del  2004 che del 2008 e con il kayak nei 200 e 500 metri a Londra.

Venus Williams

Venus Williams. Nel 2011, alla più grande delle sorelle Williams è stata diagnosticata la sindrome di Sjögren, una malattia autoimmune che causa affaticamento muscolare e dolori delle articolazioni, e per questo ha preso una pausa dal tennis per un po’. “La fatica è difficile da spiegare se non ce l’hai” ha detto al The New York Times poco dopo la sua diagnosi, aggiungendo: “Certe mattine mi sento veramente male, come quando non si dorme da tempo o si ha l’influenza. Ho sempre un certo livello di stanchezza“. Apparsa ringiovanita all’inizio dei Giochi di Londra, Venus Williams ha avanzato al terzo turno prima di perdere con la tedesca Angelique Kerber mercoledì.

Phil Dalhausser

Phil Dalhausser. In giugno, il giocatore di beach volley americano medaglia d’oro ha trascorso tre giorni in ospedale e un mese a prendere un farmaco anticoagulante come parte del trattamento per due distinti coaguli di sangue, ha recentemente rivelato a USA Today. I coaguli di sangue che si formano nelle vene profonde sono in grado di bloccare il flusso di sangue o di liberarsi e viaggiare attraverso il flusso di sangue, fino ai polmoni o al cervello, spiega la Mayo Clinic. Dalhausser e Todd Rogers, suo partner sportivo, ora stanno competendo a Londra, tentando di bissare la medaglia d’oro conquistata a Pechino.

Paula Radcliffe

Paula Radcliffe. Detentrice del record mondiale nella maratona, Paula Radcliffe non ha vinto però mai alcuna una medaglia olimpica in singolo quattro edizioni dei Giochi ed ora è fuori dai giochi di Londra, come pure. La fondista è stata dichiarata non idonea a causa di un infortunio al piede, come riportato dalla BBC. Ma ha continuato a correre nonostante un altro problema di salute che ha da quando era un adolescente: l’asma. “Devo usare il mio inalatore, prima e dopo aver corso e sono estremamente attenta quando ho un raffreddore, in quanto è grado di rendere i sintomi più gravi “, ha detto a Health.com. E ha detto alla BBC:L’asma non mi ha impedito di fare ciò che amo”. Anche se può sembrare una condizione che rende lo sport infinitamente più difficile, circa l’8% degli atleti olimpici hanno l’asma, il che la rende la malattia cronica più frequente negli atleti di un certo livello agonistico.

66 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti