Tennis, Federer criticato in patria: “Chiede troppi soldi”

Roger Federer criticato in Svizzera per le richieste troppo esose per partecipare ai tornei elvetici.

di Marco Ferraro 3 novembre 2012 18:15

Roger Federer per niente profeta in patria. Con questa frase si potrebbe riassumere lo stato d’animo degli svizzeri nei confronti del loro famoso connazionale, il tennista da anni ai vertici del tennis mondiale. In queste ultime settimane, il tennista elvetico è stato infatti oggetto di pesanti critiche da parte della stampa e dei media in generale. Oggetto delle critiche, le richieste esose di Federer per partecipare ai tornei nazionali come l’Atp di Basilea. Campione in campo, stimato da tutti i tifosi e da tutti gli appassionati di tennis del mondo, tranne che dai quelli che dovrebbero essere i suoi primi supporter, i suoi connazionali. La frizione tra Federer e i suoi compatrioti era già cominciata quando, durante le Olimpiadi di Londra 2012, Federer aveva deciso di non risiedere presso il Villaggio Olimpico insieme agli altri atleti per paura di non avere tanta tranquillità durante le Olimpiadi per via della sua grande popolarità.

“Sul campo gioca come un marziano, fuori è molto più umano di quanto vorremmo ammettere. Imperfetto e molto umano”, ha scritto in settimana il quotidiano svizzero, Tages Anzeiger. La frizione tra l’opionione pubblica elvetica e Fedex, come viene chiamato affettuosamente dai suoi fan, è continuata poi quando Federer ha fatto una richiesta economica eccessiva per garantire la sua presenza all’Atp di casa, a Basilea. Se negli ultimi quattro anni la richiesta si era “fermata” a 500.000 dollari, quest’anno il gettone di presenza chiesto da Federer sarebbe stato di ben due milioni di dollari, richiesta che ha fatto vacillare e non poco gli organizzatori del torneo i quali si sono trovati in difficoltà visto che tale esborso potrebbe svuotare le casse del torneo di Basilea. Gli organizzatori non sembrano infatti molto sicuri di poter garantire la presenza di Re Roger: “Faremo di tutto per garantire la presenza di Federer a Basilea. Ma non abbiamo risorse inesauribili. Forse non possiamo più tenere il passo. Non tutti possono permettersi una Rolls-Royce”.

Anche il giornale di Basilea, il Tages Anzeiger, rincara la dose contro Federer, annunciando una probabile assenza del beniamino di casa al prossimo Atp di Basilea: “Non sembra più intenzionato a dare al torneo della sua città la massima priorità. Come già accaduto negli ultimi anni con la Coppa Davis”. Il Tages ha anche accusato Roger Federer di puntare ad altri tornei all’estero che possano offrirgli una remunerazione più alta. Dal canto suo, Federer ha provato a giustificarsi respingendo le accuse dei connazionali: “Ho già aiutato molto il torneo e non posso fare di più. Se mi muovessi solo per i soldi, avrei preso ben altre decisioni e sarei andato a giocare in Asia”.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti