Le pagelle del Gran Premio di Miami: Verstappen perfetto, Sainz sufficiente

Occorre analizzare migliori e peggiori dopo la prima gara sul circuito di Miami, con il campione del mondo sugli scudi

di Maria Barison 8 Maggio 2022 23:56
Spread the love

Il Gran Premio di Miami ci dice senza dubbio alcuno che la Red Bull ha colmato il gap rispetto alla Ferrari, dopo quello che avevamo visto in occasione delle prime gare del Mondiale, quando Verstappen ha faticato non poco a tenere il passo di Leclerc. Nonostante una qualifica dominante per le rosse di Maranello, infatti, il team austriaco si è rimboccato le maniche, mentre il campione del mondo ha dimostrato per l’ennesima volta di essere tale con merito.

Una prova autorevole, culminata con un successo che lo avvicina ulteriormente al monegasco in classifica e che consente alla Red Bull di mettere i puntini sulle “i”. Il tutto, dopo un avvio di annata a dir poco traballante. Proviamo ad analizzare più da vicino le prestazioni dei singoli piloti, individuando i migliori e i peggiori.

Verstappen 8. Praticamente perfetto dal primo all’ultimo giro. Brucia Sainz alla partenza, poi attende il momento giusto per superare Leclerc, sfruttando una migliore gestione delle gomme nella fase iniziale della gara. Nonostante la sfortuna della Safety Car che avvicina pericolosamente il monegasco a lui nelle battute finali, respinge un paio di attacchi senza farsi prendere dall’ansia. Come se non bastasse, conquista anche il punto addizionale del giro veloce. Davvero impossibile chiedere di più al campione del mondo a Miami.

Leclerc 7. Si ha la netta sensazione che abbia ottenuto il massimo dalla sua Ferrari. In attesa di aggiornamenti, a questo punto necessari per non vedere la Red Bull prendere il largo su troppe piste, va benissimo portare a casa secondi posti come questi. Paga il degrado imprevisto e frettoloso delle gomme nei giri iniziali. Per il resto, riesce a tenere il passo di Verstappen e per pochissimi metri, complice la Safety Car, non concretizza un sorpasso finale che avrebbe dato tutto un altro sapore alla sua gara.

Sainz 6. Bravo a difendersi nel finale da Perez che aveva gomma più fresca, ma al momento del via, pur partendo dal lato sporco della pista, doveva tenere assolutamente dietro Verstappen. Magari, rallentandone il passo nei primo 10 o 15 giri, Leclerc avrebbe avuto quel margine necessario per fare tutta un’altra gara. Servirà un apporto maggiore da parte sua per competere.

Perez 5,5. Neanche con gomma fresca riesce a puntare al podio. Il suo compagno di squadra vola e lui arranca. Inevitabile l’insufficienza.

Alonso 5. Come sempre, fa intravedere un talento mai sopito, prima di commettere un errore da principiante. Fa sempre un certo effetto quando piloti con la sua esperienza causano incidenti a dir poco evitabili.

Tags: formula 1
Commenti