Stangata su Destro, moviola o prova tv?

L'attaccante giallorosso viene fermato per quattro turni dopo lo schiaffo ad Astori. La Roma annuncia il ricorso.

di Gioia Bò 8 aprile 2014 18:43
squalifica destro moviola prova tv

E’ il caso della settimana, quello che ha fatto maggiormente discutere nei salotti televisivi e sulle prime pagine dei giornali. Parliamo della manata (pugno?) rifilata da Destro ad Astori nel corso di Cagliari-Roma della scorsa domenica, non sanzionato dall’arbitro con l’espulsione. Un episodio che ha condizionato la gara, visto che alla fine della fiera l’attaccante giallorosso è stato assoluto protagonista del match con ben tre reti messe a segno. Oggi è arrivata la stangata del giudice sportivo (quattro giornate di stop), ma il club capitolino si infuria ed annuncia il ricorso.

Il motivo dei mugugni giallorossi? Nessuno può negare che Destro abbia colpito volontariamente il difensore del Cagliari, ma quello che proprio la Roma non digerisce è la gogna mediatica, il lungo chiacchiericcio sull’episodio, con tanto di replay proposti e riproposti dalle varie emittenti tv. Insomma, il colpo di Destro non rientrerebbe nei casi da “prova tv”, ma sarebbe stato ingigantito dalle televisioni, fino a condizionare il giudice sportivo.

Veniamo puniti per situazioni che potrebbero riguardare mille altri episodi che coinvolgono altre squadre. L’episodio è stato sanzionato dall’arbitro, siamo fuori dai presupposti per la prova tv. Non si può tornare su una decisione presa dall’arbitro perché si ritiene che abbia visto male. Così si apre all’introduzione della moviola  in campo e non mi sembra che al momento sia ammessa. Trovo discutibile che la procura federale si attivi in base al clamore mediatico di un episodio: chi stabilisce quale episodio merita un replay in più?

In attesa del ricorso della Roma, restano le quattro giornate di squalifica per Mattia Destro (tre più una per il cartellino giallo) e la forzata rinuncia dell’attaccante allo stage della Nazionale in vista dei Mondiali brasiliani.

Photo Credits | Claudio Villa/Getty Images

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti